Separatore di copri pesanti DebrisCatcher di Vogelsang
DebrisCatcher

Separazione attiva dei corpi estranei per la massima PROTEZIONE
DebrisCatcher

  • Previene i danni dovuti a corpi estranei come pietre e parti metalliche
  • Previene il blocco di pompe, valvole e impianti
  • Elevata produttività con bassi requisiti di alimentazione
  • Robusto e resistente grazie al contro cuscinetto

Richieste

Il funzionamento del separatore di corpi pesanti
Come funziona il DebrisCatcher?

Il separatore di materiali pesanti separa i corpi estranei come pietre e parti metalliche utilizzando due metodi: combinando a un separatore a gravità con un separatore attivo di corpi estranei. Per cominciare, il fluido (ad esempio la sospensione organica, o il liquame) entra da un lato del separatore di materiale pesante. Nella camera principale, la sezione trasversale è notevolmente ingrandita, il che riduce notevolmente la velocità del flusso. Il design dell'alloggiamento è stato ottimizzato utilizzando una simulazione di flusso. Insieme, questi due aspetti determinano un flusso più lento. In questo modo, le condizioni nel separatore sono ideali per la separazione per gravità di pietre e parti metalliche più pesanti. Le altre materie estranee che non possono essere separate in questo modo, ad es. perché troppo piccole o leggere, o perché il fluido risulta troppo viscoso, si sposteranno insieme al resto del fluido verso la griglia. Qui il materiale estraneo (soprattutto fibroso) verrà trattenuto attivamente fino a quando non verrà raccolto dalle unità di pulizia a pala a rotazione lenta e sarà quindi guidato attivamente verso il fondo del contenitore. Poiché le unità di pulizia ruotano senza toccare la grigila, l'usura è minima e questo principio di funzionamento è caratterizzato da una lunga durata utile.

L'affidabile separatore di corpi pesanti
Il separatore attivo di corpi pesanti DebrisCatcher per gli impianti biogas

Corpi estranei come pietre e parti metalliche finiscono ripetutamente negli impianti di biogas, sia insieme alla biomassa solida che nel letame liquido. Tuttavia, a causa delle dimensioni richieste e della viscosità prevalente, spesso non c'è abbastanza spazio per separare in modo affidabile i corpi estranei utilizzando un separatore passivo do corpi pesanti.

Il DebrisCatcher è progettato esattamente per rispondere a questa esigenza. Combina un separatore di corpi pesanti per gravità con una separazione attiva di corpi estranei, offre la massima protezione da corpi estranei come pietre e parti metalliche, richiede uno spazio minimo e protegge in modo affidabile ed economico pompe e componenti dell'impianto da danni e blocchi.

Il flusso laminare lento viene creato grazie all'alloggiamento ottimizzato per del separatore di materiali pesanti. Queste sono le condizioni ottimali per la separazione basata sulla gravità di pietre e parti metalliche. Il materiale pesante che è troppo piccolo e leggero per essere separato in questo modo finisce nella griglia di taglio insieme al fluido. Viene trattenuto lì, raccolto dalle unità di pulizia a rotazione lenta e guidato attivamente nel separatore di corpi estranei.

Grazie al design senza contatto e alla bassa velocità delle unità di pulizia, il sistema ha requisiti energetici di alimentazione minimi. Con una portata fino a 400 m3/h, il DebrisCatcher richiede solo 2 kW di potenza motrice per proteggere afficacemente tutti i sistemi a valle.

L'alloggiamento è realizzato in lamiera d'acciaio saldata ed è zincato a caldo per un'elevata resistenza alla corrosione, consentendo pressioni interne massime fino a 4 bar. Quindi anche nel caso di applicazioni sotto pressione, ad es. in digestori alti o se si utilizzano pompe di alimentazione di supporto, può essere utilizzato senza problemi. Allo stesso tempo, la combinazione del principio di funzionamento senza contatto e della bassa velocità di azionamento garantisce un'usura ridotta al minimo e una lunga durata.


Caratteristiche del DebrisCatcher

A differenza dei separatori statici di materiali pesanti, le pietre e le parti metalliche sono separate attivamente dal DebrisCatcher. Il materiale estraneo che arriva alla griglia insieme al flusso del liquido viene trattenuto e quindi guidato attivamente (meccanicamente) nel separatore di corpi estranei dalle unità di pulizia.
Per una separazione ottimale dei materiali pesanti, è stata creata e ottimizzata un'area generosamente dimensionata e calma, utilizzando simulazioni di flusso. Il risultato: i corpi estranei contenuti nel flusso del liquido, come pezzi di metallo o pietre, vengono separati in modo ottimale per gravità e affondano fino al separatore di sostanze estranee.
Un cuscinetto sostiene l'albero motore e garantisce un'elevata stabilità.
L'albero motore è sigillato con una combinazione collaudata di tenuta ad anello scorrevole e anello di tenuta radiale dell'albero. Il sistema di tenuta comprende inoltre serbatoio esterno del liquido tampone che consente il controllo delle perdite.
La geometria delle unità di pulizia è perfettamente coordinata con quella della griglia. L'accoppiamento tra grigliatura e le unità di pulizia produce sempre un angolo di taglio ampio e smussato. In questo modo si evitano gli intasamenti dovuti a corpi estranei incastrati.
geometria delle unità di pulizia.

Opzioni per il DebrisCatcher

Per un adattamento ottimale del DebrisCatcher ai requisiti della rispettiva applicazione, per trattenere parti metalliche sufficientemente piccole e per ridurre al minimo la perdita di pressione, sono disponibili varianti di crivelli di taglio con aperture da 12 mm, 25 mm e 40 mm.
A seconda del fluido e delle esigenze dell'impianto, il DebrisCatcher può essere equipaggiato con connettori DN150 o DN200.
Il sistema di rimozione dei corpi estranei (DRS) rimuove i materiali pesanti separati durante il funzionamento continuo, senza dover spegnere o aprire l'alimentatore di materiali solidi o il separatore di materiali estranei. Il sistema rimuove i corpi estranei con una minima perdita di fluido (solo 15 l circa). Rispetto alle soluzioni convenzionali, il DRS riduce fino all'80% il lavoro richiesto.

Ulteriori informazioni:
La Performance Control Unit monitora tutti i parametri chiave durante il funzionamento. Questi dati consentono alla PCU di rilevare tempestivamente eventuali interruzioni, avviando le opportune azioni correttive e prevenendo così i tempi di fermo macchina. Su richiesta è possibile il collegamento a un controllo master.