Tecnologia efficiente e affidabile per la depurazione delle acque reflue

Ridurre i costi degli impianti di depurazione e del sistema fognario utilizzando la tecnologia corretta

Lo smaltimento sicuro e affidabile delle acque reflue, cioè la raccolta, il trattamento e la depurazione delle acque reflue urbane e industriali, sta diventando sempre più importante per la protezione dei corsi d'acqua e dell'ambiente, ma anche per migliorare la qualità della vita. Le municipalizzate, i consorzi che gestiscono le acque reflue e gli operatori privati degli impianti di depurazione e delle reti fognarie si trovano di fronte a un'ampia gamma di requisiti e specifiche definite dai legislatori per garantire che l'acqua potabile di domani rimanga pulita. Per evitare l'ingresso di sostanze nocive, gli episodi di piogge abbondanti devono essere gestiti in modo sicuro e il drenaggio efficiente delle acque reflue deve essere garantito in ogni momento. Gli episodi di piogge torrenziali devono avere il minor numero possibile di effetti sulla qualità del processo di depurazione delle acque reflue e le norme sul loro trattamento devono sempre essere osservate per evitare la contaminazione delle acque e dell'ambiente. Inoltre, le acque superficiali e le acque reflue devono essere raccolte e scaricate separatamente, ove possibile. Le acque reflue devono essere scaricate attraverso la rete fognaria e il loro successivo trattamento negli impianti di depurazione deve essere il più efficiente possibile dal punto di vista energetico, mirando al contempo a preservare le risorse. Le sostanze organiche devono essere decomposte, con l'eliminazione sicura di azoto e fosfati. Allo stesso tempo, l'attenzione si concentra sui metalli pesanti e sugli oligoelementi, nonché sui residui chimici e farmaceutici presenti nelle acque reflue. L'esigenza di separare le microplastiche e di recuperare fosfati preziosi sta presentando nuove sfide tecniche per la tecnologia delle acque reflue.

Allo stesso tempo, i cambiamenti demografici e nelle abitudini di vita stanno influenzando i processi di raccolta e di depurazione delle acque reflue. Tra le priorità c'è la volontà di contenere il più possibile i costi per lo smaltimento e la depurazione delle acque reflue e, idealmente, di ridurli. Di conseguenza, la tecnologia per il trattamento delle acque reflue deve essere continuamente sviluppata e adattata, integrando le più recenti conoscenze tecnologiche nei nuovi sistemi di trattamento e depurazione, nonché   ampliando e migliorando gli impianti esistenti, in modo che l'acqua sia depurata al meglio e che il suolo sia sollecitato il meno possibile.

Vogelsang è da decenni un partner affidabile e innovativo per la tecnologia delle acque reflue. Offriamo ai nostri clienti componenti efficienti come pompe per la depurazione, pompe per i liquami, trituratori e sistemi per la disintegrazione per il funzionamento economicamente efficiente delle reti fognarie e degli impianti di trattamento delle acque reflue. Ogni singolo prodotto è progettato per un funzionamento economico ed affidabile. La combinazione di più macchine e la coordinazione ottimale dei singoli componenti mediante una tecnologia di controllo intelligente ci consente di fornire soluzioni di sistema efficienti per tutti i singoli problemi.

Box di approfondimento

Basta intasamenti nelle pompe

Garantire che le salviettine umidificate non creino problemi al flusso delle acque reflue

Il funzionamento senza problemi delle fognature è un requisito fondamentale per riuscire a mantenere il più basso possibile il carico delle acque reflue. Gli operatori si aspettano quindi un alto livello di affidabilità dalle pompe utilizzate, anche in caso di forti piogge. Questo è un aspetto importante in questi tempi di fluttuazioni climatiche sempre più marcate. Le pompe devono inoltre garantire un elevato grado di efficienza, in modo che le acque reflue possano essere pompate in modo efficiente attraverso tubazioni e fognature, risparmiando risorse.

Scopri di più su come risolvere il problema delle salviettine

Applicazioni per le acque reflue in impianti e canali di scarico

Le pompe e i trituratori adatti agli impianti di depurazione delle acque reflue sono la base per il loro trattamento efficiente. Ciò significa una tecnologia di lunga durata con bassi costi di esercizio e bassi consumi energetici che può essere riparata rapidamente, se necessario. Tutte le componenti principali possono essere sostituite da personale dell'impianto, in loco e senza smontare la pompa o il trituratore dalle tubazioni. In alternativa, una gamma di servizi di assistenza, efficienti ed economici, sta diventando sempre più importante per molti operatori degli impianti di depurazione. A seconda delle esigenze individuali, si va dalla semplice spedizione dei pezzi di ricambio ad un contratto di assistenza a tutto tondo. È proprio questo tipo di assistenza che fa la differenza per le nostre pompe a lobi rotativi e per i trituratori Vogelsang. Dalla consulenza, alla progettazione e all'assistenza post-vendita: siamo in grado di accompagnarti in ogni momento come partner su cui fare affidamento.

Tecnologia di pompaggio efficiente per il trattamento delle acque reflue e dei fanghi

I diversi fluidi vengono pompati negli impianti di trattamento delle acque reflue, tra cui

  • Acque reflue
  • Fanghi primari abrasivi / fanghi grezzi
  • Fanghi secondari / fanghi di supero
  • Fanghi misti
  • Liquami organici
  • Fanghi da depurazione con un elevato contenuto di sostanza secca.

In questo caso è importante utilizzare una tecnologia di pompaggio affidabile e che non crei problemi, progettata per movimentare questa vasta gamma di fluidi.

Pompa universale per le diverse applicazioni nel settore del trattamento acque

In particolare nei piccoli impianti di depurazione delle acque reflue, è spesso necessaria una pompa tuttofare che possa essere utilizzata in diverse procedure e fasi del processo. Il vantaggio delle pompe a lobi rotativi Vogelsang è la possibilità di cambiare in modo molto semplice e rapido la direzione del flusso, mentre la capacità della pompa rimane invariata. In questo modo, con un'unica pompa, le acque reflue e i fanghi possono essere movimentati facilmente tra le cisterne, i liquami scaricati dai veicoli di smaltimento e le autocisterne riempite, ad esempio, con i fanghi da depurazione. Poiché la portata è proporzionale alla velocità, la portata della pompa può essere regolata in modo semplice tramite l'inverter, mentre il flusso rimane invariato. Tenendo conto del contenuto di sostanza secca e della viscosità di un fluido, del diametro e della lunghezza delle tubazioni, la portata delle pompe per le acque reflue e per i fanghi può quindi essere adattata individualmente. In pratica questo significa che l'alimentazione delle torri di digestione, i processi di addensamento e drenaggio sono misurati ed efficienti, ma allo stesso tempo è anche possibile un'erogazione ad alta pressione o su grandi distanze. In particolare quando si tratta di ricircolo dei digestori, un'elevata capacità della pompa fa la differenza quando le esigenze di spazio sono minime, dato che spesso è disponibile poco spazio per l'installazione.

I trituratori per le acque reflue, siano essi trituratori a due alberi o in fase liquida, sono la soluzione efficace per ridurre le dimensioni dei corpi estranei e separare i materiali pesanti negli impianti di depurazione. A differenza delle unità di triturazione integrate, con trituratori a due alberi o in fase liquida stand alone, il design può essere adattato in modo ottimale all'applicazione, evitando di dover scendere a compromessi per quanto riguarda la velocità di funzionamento delle pompe e l'efficacia di triturazione. In questo modo i corpi estranei presenti nelle acque reflue o nei fanghi vengono triturati in modo economico e le pompe e le altre unità sono protette in modo affidabile da eventuali danni.

Efficienti sul trattamento dei fanghi e nel ricircolo dei digestori

I materiali fibrosi che restano in sospensione nei digestori intasano le pompe per i fanghi e i miscelatori, a meno che non siano protetti da un trituratore. L'XRipper tritura le sostanze estranee, come il legno o rifiuti in plastica, riducendole a dimensioni facili da gestire, eliminando così gli intasamenti. Questo protegge le pompe da danni e blocchi e garantisce che le tubazioni rimangano libere. Allo stesso tempo, i trituratori a due alberi, basati sul principio di funzionamento senza contatto, sono resistenti all'usura e risultano economicamente vantaggiosi grazie alla loro lunga durata.

Nessuna possibilità per i grovigli di materiali e gli strati galleggianti

Capelli, fibre tessili o tamponi di cotone causano la formazione di grovigli e strati galleggianti nei digestori. Anche piccole quantità di materiale aggrovigliato rendono i fanghi disomogenei: aumentano la potenza motrice richiesta e hanno un effetto negativo sui successivi processi di riduzione e drenaggio. I trituratori con funzionamento a contatto, come il RotaCut, hanno lame autoaffilanti, che riescono a tagliare efficacemente anche le fibre e i peli, macinandoli. Questo previene la formazione di grovigli fibrosi e miscela i fanghi in modo omogeneo. Si ottiene inoltre un funzionamento più uniforme dei digestori e delle centrifughe si migliorano anche il drenaggio o la riduzione.

Le procedure di disintegrazione portano a una maggiore resa di gas e a una minore dispendio energetico nel processo di trattamento dei fanghi da depurazione

Due fattori di costo essenziali, e sempre più importanti, possono essere influenzati positivamente utilizzando una tecnologia appropriata:

il fabbisogno energetico (esterno) e i costi di smaltimento dei fanghi di depurazione. Poiché le normative sui fanghi da depurazione non sempre permettono il loro utilizzo in agricoltura, l'unica opzione è il loro incenerimento, che comporta costi elevati, o il compostaggio, che richiede molto tempo e notevoli spazi. Sono stati compiuti innumerevoli tentativi per ridurre la quantità dei fanghi da depurazione.

Le moderne procedure di disintegrazione sono una buona opzione in questo caso. La procedura di disintegrazione elettrocinetica BioCrack di Vogelsang dissipa gli aggregati e i colloidi presenti nei fanghi, riduce gli EPS e garantisce un più semplice accesso dei batteri ai nutrienti, il che aumenta significativamente la velocità di decomposizione. Questo si manifesta anche come effetto positivo secondario, in quanto aumenta la resa di gas e di elettricità dei digestori. Grazie all'aumento della produzione di energia propria, l'impianto di trattamento delle acque reflue consente di risparmiare energia, che altrimenti dovrebbe essere acquistata. Inoltre, i fanghi da depurazione possono essere drenati meglio su molti impianti. Ciò è significa una riduzione dei costi, poiché sono necessari meno agenti coagulanti e ci sono meno fanghi da depurazione da smaltire.

Un pompaggio affidabile e senza problemi dei liquami e delle acque reflue nel sistema fognario è essenziale. Per questo condotte e canali fognari devono essere dimensionati per eventi di pioggia abbondante e la presenza di solo una minima quantità d'acqua non deve causare depositi nei periodi di siccità. Allo stesso tempo, lo spazio disponibile per l'installazione è spesso molto poco. Per questo motivo gli utenti chiedono spesso quali stazioni di sollevamento hanno esigenze di spazio ridotte. Le pompe per acque reflue devono avere una configurazione a secco o questa è utile, per esempio per evitare una progettazione ATEX nelle applicazioni umide? In tal caso, ciò significa che le pompe per le acque reflue devono essere autoadescanti e resistenti al funzionamento a secco. Le pompe a lobi rotativi Vogelsang della serie VX e della serie IQ sono perfette per tutte le applicazioni nel campo delle acque reflue. Sono compatte e possono essere installate in spazi molto ridotti grazie al cosiddetto design "a incastro". Allo stesso tempo, possono essere ispezionate e riparate rapidamente e semplicemente in loco. Esse soddisfano anche la crescente richiesta di portate e pressioni di esercizio più elevate, consentendo di gestire distanze sempre maggiori dai grandi impianti di depurazione centralizzati. Inoltre, possono aspirare le acque reflue provenienti da pozzi profondi in quanto sono altamente resistenti al funzionamento a secco.

Triturazione dei corpi estranei nelle acque reflue

Di tanto in tanto, le acque reflue, urbane e industriali, contengono corpi estranei che non ci dovrebbero affatto essere. Questi penetrano in vari modi nel sistema fognario, dove causano notevoli problemi. I gestori delle reti fognarie sono quindi alla ricerca di soluzioni tecniche in grado di gestire le sostanze estranee. I trituratori per acque reflue, come il trituratore a due alberi XRipper o il trituratore RotaCut con separatore di materiali pesanti integrato, soddisfano le richieste del settore grazie alle loro molteplici qualità e caratteristiche.

I trituratori XRipper riducono le sostanze estranee contenute nelle acque reflue, come salviette umidificate e tessuti, a dimensioni non problematiche. Questi solidi vengono ridotti in modo da non causare più intasamenti o blocchi nelle pompe e nelle tubature delle acque reflue a valle, ma rimangono abbastanza grandi da poter essere filtrati in modo affidabile successivamente mediante un filtro. Il principio di funzionamento senza contatto è importante per un funzionamento che minimizza l'usura, mentre anche la gamma di opzioni di installazione gioca un ruolo importante. I trituratori per le acque reflue possono essere installati in modi differenti:

  • nella versione classica, di facile manutenzione, con motoriduttore per l'installazione nelle reti di tubazioni
  • con una disposizione verticale del motore, sopra l'XRipper, dove lo spazio è ridotto.
  • con carcassa aperta per l'utilizzo in canali aperti o il montaggio direttamente davanti a ingressi e uscite dei canali e nei pozzetti di pompaggio
  • dotato di unità ad alta capacità per portate estremamente elevate in grandi canali e in linee di afflusso ai grandi impianti di trattamento delle acque reflue

In tutti questi casi c'è anche il vantaggio ulteriore del nostro esclusivo design QuickService, grazie al quale tutti i trituratori Vogelsang per acque reflue possono essere ispezionati e riparati in loco, in modo rapido e semplice.

Separazione e triturazione di materiali pesanti altamente compatti

Un'altra funzione essenziale che si trova spesso nei sistemi fognari è la separazione dei materiali pesanti come pietre e parti metalliche e la triturazione di sostanze estranee come rifiuti e legno. Nei canali fognari a cielo aperto, ad esempio, spesso manca un adeguato filtro e/o un separatore di corpi estranei davanti alle pompe per le acque reflue. A causa di aggiornamenti, di ammodernamenti parziali e di numerose modifiche impiantistiche che avvengono nel tempo in base alle esigenze locali, ogni applicazione è spesso un caso a sé, per cui sono necessarie soluzioni individuali da adeguare alla portata volumetrica, allo spazio disponibile o alla massima potenza elettrica disponibile. Il trituratore RotaCut di Vogelsang è disponibile in un'ampia gamma di modelli con differenti caratteristiche e opzioni; separa in modo affidabile i materiali pesanti, tritura i corpi estranei in sospensione nonché le sostanze estranee tenaci, come i pezzi di legno, utilizzando la funzione AutoReverse. Grazie alla sofisticata tecnologia di controllo, il trituratore può essere collegato ad un sistema di controllo da remoto e i parametri di funzionamento vengono visualizzati online.

Che si tratti di lavori di pompaggio sporadici, di lavori di costruzione delle opere fognarie o di emergenze come le inondazioni, le pompe in versione mobile hanno molteplici applicazioni. Per questo motivo le unità di pompaggio mobili devono essere in grado di gestire la più ampia gamma di fluidi come:

  • Acque della rete fognaria comunale
  • Acque reflue industriali, comprese quelle contenenti sostanze chimiche
  • Scarichi domestici
  • Fanghi da depurazione
  • Liquami
  • Oli ed oli esausti

In questo caso è importante che l'unità possa essere trasportata in modo rapido e che la messa in funzione sia altrettanto rapida e semplice. Per questo ognuna di esse è configurata su misura, interamente in base alle esigenze e alle richieste del cliente.

La pompa per acque reflue creata su misura per specifiche applicazioni

Per quanto riguarda le pompe mobili, per funzionare in modo autosufficiente e indipendente, si consiglia un azionamento diretto tramite l'accoppiamento ad un motore. Tuttavia, se sono disponibili veicoli adatti, la trasmissione meccanica con albero cardano è un'opzione a basso costo.

Se la pompa mobile deve essere spostata solo all'interno di una piccola area, è sufficiente il montaggio su un carrello manuale o un semplice rimorchio. E per i luoghi di utilizzo sporadici e più distanti, il montaggio su un basamento rigido è una buona variante, in quanto in questo modo l'unità mobile può essere spostata tramite carrello elevatore o gru. La massima mobilità è offerta dal montaggio su un veicolo con rimorchio, che consente un trasporto relativamente rapido e semplice dell'unità.

Le pompe a lobi rotativi Vogelsang serie VX e serie IQ sono ideali per l'uso come pompe mobili nelle più diverse applicazioni, grazie alle loro caratteristiche tecniche, ad esempio per il fatto di essere autoadescanti e resistenti al funzionamento a secco, l'avere un ampio passaggio a sfera e di poter anche pompare fluidi altamente abrasivi o con elevato contenuto di sostanza secca. Se c'è la necessità di variare la portata, la pompa viene azionata utilizzando un inverter. In alternativa, è possibile anche un azionamento con il semplice accoppiamento ad un motore. La pompa a lobi rotativi Vogelsang è ideale anche per coprire lunghe distanze.

Case studies di applicazioni per le acque reflue

Case study - Impianto di depurazione di Freiberg – Pompa a lobi rotativi IQ112-81

Problema: poco spazio per l'installazione, la revisione e la manutenzione di una pompa supplementare
Soluzione: pompa a lobi rotativi Vogelsang IQ112-81

Leggi il case study

Case study - hanseWasser Bremen GmbH - RotaCut RC5000 Inline

Problema: malfunzionamento delle centrifughe per la disidratazione dei fanghi
Soluzione: Vogelsang-RotaCut® RC 5000 Inline con ACC

Leggi il case study

Case study - Gespringwasser Schmalkalden - XRipper XRS100-90Q

Problema: elevato numero di manutenzioni a causa di materiale impigliato
Soluzione: XRipper XRS100-90Q

Leggi il case study

Registrazione

Newsletter sulle tecnologie per le acque reflue

Iscriviti subito alla nostra newsletter sulle tecnologie per le acque reflue e rimanete aggiornati con le ultime e più interessanti informazioni sulle applicazioni e sui prodotti Vogelsang per questo settore.

Prodotti Vogelsang per applicazioni per le acque reflue

Area di download

Stai cercando dei documenti sui servizi o i prodotti Vogelsang? Vai alla nostra pagina dei download per trovarli tutti.

/ /